Notizie-Flash

Clochard bruciato vivo: i colpevoli sono assolti!



Era il 13 Dicembre 2017 quando, sembra per noia, due minorenni hanno incendiato l’auto dove dormiva Ahmed Fdil, un clochard della zona di Santa Maria di Zevio nel veronese, condannandolo ad una morte atroce. I due ragazzi di 13 e 17 anni sono stati però assolti dal giudice per motivazioni diverse. Il primo non è infatti imputabile, secondo la legge, per via della giovanissima età mentre il secondo ha ottenuto una sospensione del processo in attesa di prove schiaccianti. Una decisione che sta facendo molto discutere e che, vista anche l’ammissione dei due giovani, appare inspiegabile.

 

Sconvolto Salah Fdil, nipote della vittima, che non riesce proprio ad accettare la sentenza del giudice. L’uomo afferma di rispettare la decisione ma di non poterla proprio condividere. Secondo lui e molti altri un assassino va punito indipendentemente dall’età, a maggior ragione quando ammette la colpevolezza. “Questa non è giustizia. Sembra che la vita di mio zio non abbia valore” afferma il nipote di Ahmed Fdil. D’altronde, dopo il fattaccio, pare che parlando al telefono uno dei due ragazzi disse all’altro: “Il tuo sogno di sapere cosa si prova ad uccidere un uomo lo hai finalmente realizzato”, una frase decisamente pesante per un 13 enne che deve fare riflettere sulla piega che sta prendendo l’attuale società, totalmente alla deriva e priva di valori.

 

Intanto in molti si chiedono se la decisione del giudice sarebbe stata uguale se i due non avessero bruciato vivo un clochard, ma una persona con una status sociale più elevato. Se lo chiede chi contesta la sentenza ma anche il legale della famiglia della vittima, che si dice sorpreso e deluso. Secondo quest’ultimo le prove erano piuttosto schiaccianti e rafforzate dalla testimonianza dei due ragazzi che, oltretutto, non hanno mai chiesto scusa per l’atroce delitto commesso. Secondo molti bisogna fermare i due assassini prima che prendano una deriva pericolosa e, soprattutto, prima che compiano altri crimini. Chi, a una così giovane età, compie un simile gesto senza mostrare il minimo pentimento, ha sicuramente dei problemi che lo rendono pericoloso e non può essere lasciato libero.

Un pensiero riguardo “Clochard bruciato vivo: i colpevoli sono assolti!

  • 1 Febbraio 2019 in 23:42
    Permalink

    Questa è la giustizia che abbiamo in Italia? Questa è la giustizia che vuole processare e condannare Salvini? A questo punto fa bene il ministro a chiedere di non farsi processare da questa marmaglia senza la minima credibilità. Spero che questo governo cada, così potrò votare Salvini alle prossime elezioni e mi auguro che una volta al potere cambi tutte, una per una queste leggi infami almeno pari alle leggi razziali del ventennio. E che proponga un referendum per cambiare la costituzione, dove finalmente venga tolto questo immenso strapotere alla peggiore magistratura di qualunque paese democratico. E poi hanno il coraggio di opporsi alla legge sulla legittima difesa. Difesa che a questo punto diventa indispensabile, visto che un minorenne ( ma forse anche un maggiorenne) mi può uccidere tranquillamente nel modo che più lo diverte senza dover temere alcunchè. Ho sempre detestato le armi ma credo proprio che ora chiederò di poter avere almeno una pistola in casa.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *