Notizie-Flash

Giorgio Gaber: a Techetechetè lo speciale “Signor G e Signora”

Oggi 4 Luglio 2018, l’indimendicato e indimenticabile Giorgio Gaber è protagonista di uno speciale di Techetechetè, in onda su RAI1 alle 20 e 35, dal titolo “Signor G e Signora”. Come suggerisce il titolo, il programma non parlerà solo del cantautore milanese ma anche della moglie Ombretta Colli che lo accompagnava quasi sempre sul palco. Lo speciale sarà un percorso nella vita di un grande personaggio, definito da molti come un genio assoluto. Cantautore sì ma anche cabarettista , attore e regista teatrale e pure cinematografico, insomma un artista completo scomparso nel 2003 dopo una lunga malattia.

Dalia Gaberščik su Giorgio Gaber: ‘Mio papà pensava a raccontare storie, non ai soldi’

Ospite a Techetechetè la figlia di Gaber e della Colli che ha parlato del padre come di un uomo umile e sincero, che amava il suo lavoro e non lo faceva per fama e soldi ma per trasmettere emozioni e raccontare storie. Dalia ha poi parlato poi del forte legame tra il padre e il suo pubblico che, dopo anni di esibizioni a teatro, è diventato praticamente indissolubile. ‘Mio papà amava il confronto e odiava tutti i luoghi comuni e i pensieri precostituiti’. Da queste parole traspare anche un’importante legame padre-figlia nonostante la forte dedizione per il lavoro di Giorgio e Ombretta. Citando lo stesso Gaber: ‘Si è figli per tutta la vita’ e questo Dalia, ereditando la omonima Fondazione  che si occupa di diffondere le parole e la musica dell’artista ad un pubblico giovane attraverso l’organizzazione di eventi.

Giorgio Gaber Techetechetè

Una carriera di successi per Gaber anche insieme a Jannacci

Giorgio Gaber ha indubbiamente influenzato tanti artisti in vari ambiti, da quello musicale a quello teatrale. Ma oltre alla moglie l’artista si è esibito molte volte insieme Enzo Jannacci con il quale formava un duo “I due corsari” che ha sfornato brani come “Torpedo Blu” e “Una fetta di limone” che sono stati e resteranno grandi successi. Techetechetè parlerà anche di come oggi l’artista possa rivivere grazie a professionisti come Francesco Bottai  e Gigi Proietti che. ispirandosi a lui, hanno mantenuto le tradizioni. Inoltre la discografia del signor G continua ad essere venduta a ascoltata e questo si deve anche a Dalia e alla Fondazione Gaber.

 

Conclude Dalia Gaberščik con un ricordo della sua giovinezza, quando odiava sentirsi una “raccomandata” solo perché figlia di un grande artista: “Appartenere alla famiglia Gaber mi ha spesso aiutato a trovare lavoro ma odiavo essere famosa senza aver fatto nulla per meritare la notorietà. Non mi rendevo conto dell’onore che avevo ad essere figlia di due persone geniali come Giorgio e Orietta”. Insomma Techetechetè ha realizzato uno speciale davvero interessante e imperdibile per tutti gli amanti di quello che è stato uno dei più grandi personaggi italiani degli ultimi 50 anni.

giorgio gaber enzo jannacci

 

 

 

 

 


 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *